Olivo Bonsai o Ulivo Bonsai

Bonsai olivo o bonsai ulivo

Olivo (ulivo)

L’ Olivo è una pianta che appartiene alla famiglia delle oleaceae. L’Olea europea è un essenza tipica mediterranea, caratterizzata da radici di tipo avventizio, abbastanza superficiali. La corteccia di questo albero ha un colore particolare e caratteristico, che si addentra nel grigio-bluastro. Per quanto riguarda la chioma, questa assume una forma conica e possiede delle foglie affusolate e di un verde scuro. La pianta è sempreverde e in genere la sua fruttificazione è continua. Le foglie sono opposte, intere, semplici e di forma ellittico-lanceolata e la loro pagina inferiore è in genere grigio chiara. Si tratta, infatti, di una pianta capace di vivere molto a lungo, anche mille anni, se coltivata in condizioni climatiche particolarmente favorevoli.  Altre caratteristiche di pregio riguardano la sua lenta, ma vigorosa, crescita e la sua capacità di rigermogliare dal ceppo a qualunque età, anche se ha subito potature drastiche o addirittura è stata bruciata. I rami sono molto flessibili.

In tarda primavera ha luogo la fioritura dell’ olivo, che si manifesta con minuscoli fiori bianchi, riuniti in infiorescenze a pannocchia il cui sviluppo parte dalle ascelle delle foglie dei rami di un anno. Il frutto da tutti conosciuto come oliva, è una drupa ovale, carnosa ed oleosa, le cui dimensioni generalmente sono superiori rispetto a quelle dei fiori. Il suo colore verdastro quando giunge a maturazione, verso l’inizio dell’inverno, assume tonalità nerastre.

Essere consapevoli delle reazioni di tale specie all’applicazione delle varie tecniche che l’arte bonsai comporta è sicuramente l’aspetto più importante da tenere in considerazione. La sua coltivazione è consigliata anche ai meno esperti, in quanto si tratta di una pianta con pochissime esigenze. Gli esemplari più suggestivi di Olivo (ulivo) sono sempre yamadori con forme inaspettate.

Il portamento massiccio, le forme contorte che conferiscono un aspetto millenario anche ad esemplari giovani e la possibilità di intervenire nell’impostazione con le tecniche di scortecciatura (jin, shari e sabamiki) rendono questa essenza particolarmente interessante per la coltivazione come Bonsai. Inoltre, la naturale “generosità” di questa pianta, che reagisce alle capitozzature con un’abbondantissima emissione di germogli, facilita la formazione di nuove branche, permettendo di modellare il bonsai nella forma voluta.

L’ olivo (ulivo) migliore per ottenere Bonsai praticamente perfetti è quello selvatico (l’olivastro) che ha foglie più piccole rispetto alla pianta di olivo che siamo più abituati a vedere e a trovare nelle nostre campagne.

Cliccando sul nome dell’argomento di vostro interesse troverete la scheda tecnica completa per la cura e manutenzione del Bonsai di Olivo.

Esposizione

Annaffiatura

Potatura, Pinzatura e Defogliazione

Rinvaso e Terriccio

Concime e Applicazione del filo

Parassiti, Malattie e Problematiche

Propagazione e Stili

Olivo Bonsai o Ulivo Bonsai ultima modifica: 2015-03-18T11:02:35+00:00 da Indrit

Leave a reply

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>